ALCOL POLIVINILICI

POLYVERT è il nome commerciale dell'alcol polivinilico in granuli di produzione tedesca com- mercializzato dalla Polyvert S.r.l..

DATI TECNICI
Aspetto granulo bianco-avorio
Densità 1.23-1.30 g/cm3
Valore del pH di una soluzione acquo- sa al 4% ca. 5
Componenti volatili Inferiori al 5%


CARATTERISTICHE
TIPI Viscosità (Höppler) di una soluzione acquosa al 4% a 20°C in mPa x s Numero di saponificazione DIN 53401 mgKOH/g Grado di idrolisi espresso in percentuale molare Ceneri calcolate come residuo di calcinazione % max Densità apparente g/l
04/140 4+/-0.5 140+/-10 87.7+/-1.0 0.5 450-600
08/140 8+/-1 140+/-10 87.7+/-1.0 0.5 450-600
18/140 8+/-1.5 140+/-10 87.7+/-1.0 0.5 450-600
26/140 26+/-1.5 140+/-10 87.7+/-1.0 0.5 450-600
40/140 40+/-2 140+/-10 87.7+/-1.0 0.5 450-600
10/20 10+/-1 20+/-5 98.4+/-0.4 0.5 450-600
20/20 20+/-1.5 20+/-5 98.4+/-0.4 0.5 450-600
28/10 28+/-2 8+/-5 99.4+/-0.4 0.5 450-600


NOTE GENERALI
Solubilità:
Tutti i tipi di POLYVERT sono solubili in acqua e sono utilizzati principalmente sotto forma di soluzioni acquose. La solubilità aumenta con l'aumentare del numero di saponificazione e col calare dei gradi di polimerizzazione, cosicché, per es., il tipo 04/140 è più facilmente solubile a caldo rispetto al tipo 28/10. Generalmente il POLYVERT si scioglie a ca. 90°C. Qu alora, per i tipi più facilmente solubili, si desiderino utilizzare temperature più basse, occorre controllare che la soluzione si sia effetti- vamente ottenuta. Le soluzioni ad alta concentrazione dei POLYVERT con grado di saponificazione 10 tendono ad incrementare la viscosità fino al punto di gelificazione. L’immagazzinaggio a basse temperatu- re accentua questo fenomeno, che può essere eliminato riscaldando ed agitando le soluzioni stesse, che non devono essere mai immagazzinate al di sotto dei 15°C e, possibilmente, essere lavorate in breve tempo. I POLYVERT parzialmente saponificati non gelificano. Per la preparazione di soluzioni di POLYVERT si possono utilizzare, entro certi limiti, alcoli idrosolubili, per es. etanolo. Si utilizzano questi alcoli quando si richiedono tempi d’essiccazione più brevi. I tipi di POLYVERT coi numeri di saponificazione 10 e 140 non sono solubili nei solventi orga- nici usuali.

Preparazione di soluzioni di POLYVERT:
Per molti settori d'impiego, per es. per la produzione d’adesivi, bozzime, soluzioni di colloidi protettori, ecc., si deve sciogliere il POLYVERT in acqua calda. Si devono utilizzare agitatori d’acciaio inossidabile o smaltati internamente che siano riscalda- bili indirettamente. Non si devono usare contenitori di ferro. Sono consigliati serbatoi di accia- io inox con agitatori ad ancora e frangiflutti e riscaldamento a mantello, in modo che l'agitazio- ne provochi la rottura dei grumi di POLYVERT ed omogeneizzi la massa. Per la soluzione, all'acqua, possibilmente fredda, si aggiunge la polvere lentamente, mante- nendo tutto sotto agitazione. Il rapporto tra questi due varia secondo l'impianto a disposizione e la prassi consiglia 1-2 parti di acqua per una parte di peso dei POLYVERT. Infine si aggiunge la restante acqua e si riscalda a ca. 90°C sotto lenta agitazione ed a questa temperatura si mescola fino ad ottenere una soluzione completa. Il POLYVERT non dovrebbe in alcun caso essere versato direttamente in acqua bollente. L'acqua con elevati gradi di durezza provoca soluzioni torbide. Se necessario, si può utilizzare acqua demineralizzata. Nelle soluzioni ad elevata concentrazione, si deve evitare l’inglobamento di aria, poiché questa è difficilmente espulsa. Si raccomanda di raffreddare le soluzioni sotto lenta agitazione per evitare la formazione di pelle.